No allo shopping solitario

Pubblicato: aprile 1, 2010 in io e me stessa, shopping

Basta, ho deciso, se due amiche mi danno buca per andare a fare shopping, allora è meglio non andarci. Oppure andarci ma senza portarsi appresso il portafogli, perchè sennò va a finire che a suon di “ma che carina, e quanto costa poco!” spendo duecento euro in una settimana. Oggi, per dire, non doveva essere giorno di compere. Dovevo semplicemente andare in un negozio a sentire se la cintura di mio fratello era stata cambiata o meno. Poi ho deciso che, siccome era troppo presto, sarei andata un po’ in giro per negozi. Risultato:

– borsa di Mauro Giuli color panna, troppo bon ton e troppo piccola per lasciarla lì. Sì, perchè sebbene io abbia un portafogli che fa concorrenza a un dizionario e un mazzo di chiavi con 2 peluches, adoro le borse piccole. Questa in particolare (foto a breve!) ha dei piccoli fiocchettini sul davanti e si può tenere sia a mano sia a tracolla, basta sganciare le fibbiette. Molto probabilmente da sfoggiare al matrimonio di aprile!

– camicia lunga grigia con righine bianche e cintura nera elasticizzata da portare sotto al seno. A dire la verità non ero troppo convinta, mi sono guardata in almeno tre specchi diversi e alla fine ho pure chiesto consiglio alle commesse (grave errore da non ripetersi!). Ovviamente poi l’ho comprata, immaginandomela con i sandali del post precedente, jeans e borsina panna. Anche qui la foto a breve, don’t worry.

Tanto per rendere il tutto un po’ Benny Hill show, mi ero dimenticata dell’ombrello nel negozio in cui ho comprato la camicia. Ho girato un’altra oretta senza rendermene conto, solo quando ha cominciato a venir giù anche il mondo mi sono accorta di essere senza ombrello. Sono tornata nel negozio alla velocità della luce, ho guardato dentro al camerino, sono andata in giro e poi, sconsolata, ho chiesto alla proprietaria “Per caso ha visto un ombrello giallo?”. Lei me lo indica…era beatamente appoggiato sullo scaffale delle mutande ad 1€. E ce l’avevo appoggiato io, perchè solo dopo mi sono ricordata di essere andata in quella zona per provare delle ballerine bianche. Me ne sono andata dal negozio nascondendo la faccia tra le mani e brontolando un “grazie” un po’ imbarazzato (forse erano i capelli irsuti come quelli di un barboncino ad aver suscitato la freddezza della proprietaria? Probabile…maledetta umidità)

P.S. Sto cercando disperatamente uno smalto che somigli allo Chanel Particulière, ho visto già altri siti che consigliavano marche diverse, ma non ho trovato niente che si confacesse alle mie tasche. Dite che se vado dal cinese di turno poi riesco a trovare qualcosa?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...